Luigi Bolzoni

Luigi Bolzoni, nato nel 1911 – deceduto nel 1965. Socio del Circolo dal 5/8/1945.

L’Assemblea Annuale Ordinaria, convocata l’11/4/1947, alla presenza di 458 soci, elegge, con votazione segreta, i candidati per il Consiglio Direttivo e in quella del 25/4/1947 si definiscono le cariche: Presidente: Bolzoni Luigi, Vice Presidente: Pozzi Climico.

Consiglieri:
Albizzati Bruno, Borlini Tarcisio, De Pasquali Giuseppe, Franzi Egidio,Galimberti Luigi, Magni Mario, Piacentini Maria, Rizzotti Guido e Scotti Luigi.

Collegio Sindacale:
Mora Bruno, Bellini Egidio, Bolognesi Serafino, Gariboldi Ambrogio e Tussi Renzo.

Collegio dei Probiviri:
Fornari Guglielmo, Gherardi Ardito, Rovelli Renato.

Nel 1947 nacque, all’interno del Circolo, la Società Baristi, una associazione composta da oltre cento soci volontari che prestavano gratuitamente e con entusiasmo il loro servizio al Bar del Circolo e durante altre manifestazioni quali il ballo e gli altri spettacoli. A questa associazione, unico esempio del movimento circolistico della Lombardia, va gran parte dei meriti per i risultati conseguiti dal Circolo negli anni che seguirono.

26 giugno 1949:  la Società dei Baristi ha due anni di vita e costituisce già una grande famiglia che in questa foto viene ritratta davanti a una delle prime opere murarie che i partigiani realizzarono per la edificazione del Circolo.

Il Consiglio di Amministrazione, per soddisfare le esigenze dei soci promosse la costituzione della Biblioteca Popolare con un congruo numero di libri, nuovi arredi per la sala da ballo, il prolungamento del bar e l’installazione della  macchina del caffè, uno spaccio di generi alimentari di prima necessità. Ulteriori migliorie furono apportate al giardino e al salone. Si diede vita a un ricco calendario con una serie di manifestazioni: la Befana per i bambini, concerti, incontri di pugilato, commedie, varietà teatrali, tra cui uno spettacolo eccezionale con Fausto Tommei, alla presenza di autorità cittadine, che fece registrare un memorabile tutto esaurito.

Diversi incassi di queste manifestazioni furono donati ad Enti bisognosi come il Fondo Nazionale pro-disoccupati e l’INCA per i bambini bisognosi di cure marine e montane. Si deliberò, dietro richiesta, di versare alcuni incassi del ballo alle sezioni locali del  PCI e PSI per aiutarli a sostenere i costi della propaganda elettorale. Aiuti concreti furono dati anche all’Unione Donne Italiane (circolo di Turro), alla Soc. di Mutuo Soccorso Ars et Labor per il finanziamento delle loro iniziative.

Una importante delibera fu approvata durante l’Assemblea Generale Ordinaria del 24/7/47 per l’acquisto dell’immobile (attuale sede del Circolo), del terreno e delle licenze, tramite rilascio di effetti cambiari. Dopo lunghe trattative con il proprietario Manzini Giuseppe, alla presenza del Notaio Dott. Caccia, il Circolo divenne definitivamente proprietario della sede sociale, del terreno e delle relative licenze. Per far fronte a questi onerosi costi venne lanciata una sottoscrizione tra i soci in cambio di nuove azioni del valore di Lit. 1000 cad. corrispondendo l’interesse del 4% ai soci sottoscrittori. Inoltre, per volontà del Manzini, il P.C.I. e il P.S.I., divennero proprietari ciascuno di un proprio stabile nell’area di Viale Monza 140.

Una Assemblea Straordinaria dei Soci venne convocata l’11/3/1948 – presenti 302 soci su 487 – per modifiche statutarie ai sensi del D.L. 14/12/1947  sulla disciplina dell’attività cooperativa e nel contenpo venne portato il valore delle azioni da Lire 500 a Lire 1000.

Nel corso dell’Assemblea di Bilancio del 24/6/1948, a causa di un eccessivo disimpegno di alcuni Consiglieri, si rende necessario il rinnovo del Consiglio di Amministrazione:  si nomina una commissione elettorale e  si convoca per il 22/7/1948 una Assemblea Generale Ordinaria che, con votazione segreta,  elegge il nuovo Consiglio nelle persone di: Bolzoni Luigi – Presidente; Avanzi Giuseppe – Vice Presidente.

Consiglieri:
Colombo Giambattista, Piacentini Mario, Bellini Egidio, Nava Domenico, Pozzi Climico, Gariboldi Ambrogio, Poi Sante Francesco, Mariani Pietro, Azzolini Enrico.

Sindaci:  Magni Mario, Galletti Carlo, Monzani Fiorentino, Castellan Giovanni, Manzini Giuseppe.

Probiviri:  Borlini Tarcisio, Lanzani Vittorio, Bossi Oreste.

Questo Consiglio, oltre alla normale amministrazione, definisce i contratti di affitto con il PCI e PSI per l’uso di parte dei loro locali; vien inoltre approvata l’adesione alla Lega Nazionale delle Cooperative, che svolge una importante vigilanza sugli enti cooperativi, nonchè tutela e assistenza agli stessi.

La presidenza Bolzoni termina Il 3/3/1950, quando nel corso dell’Assemblea Generale Ordinaria, fu nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione.